Proposte editoriali
Servizi
Per i docenti
Proposte multimediali
Edizioni La Brutia
La Brutia s.a.s. di Carmelo Mazzotta - Via Catanzaro,1 - 89024 POLISTENA (RC) Tel. (+39)0966.931386 - Fax (+39)0966.949900
Mail
  L'AGRICOLTURA NEI PROVERBI E NEI MODI DI DIRE CALABRESI - Luigi Massara

Pur nella varietà dei toni, dettati da contingenti fenomeni d'ordine storico-sociale ed etnico-ambientale, questo libro puntualizza ed esalta l'amore per la terra, nella quale affondano le loro radici i valori della semplicità schietta, della continuità storica dell'uomo e del suo modo autentico di essere e di porsi in relazione con gli altri e con l'Eterno.

Francesco Scattarreggia

Luigi Massara (Cinquefrondi, 1941) è professore ordinario di Materie letterarie all'Istituto Tecnico di Taurianova. Poeta e saggista.

Ha pubblicato:

'Nu sonnu stranu (poemetto dialettale calabrese), La Brutia Editrice, Polistena, 1981;

L'aspetto fono-morfo-sintattico e lessicale della lingua di 'Nu suonnu stranu (dialetto di Cinquefrondi - dialetti della Piana), La Brutia Editrice, Polistena, 1981;

Lu tempu vola (sonetti dialettali), Centro Studi Medmei, Rosarno, 1982;

La famiglia nei proverbi e nei modi di dire calabresi, S.D.S. & C.M.C., Reggio Calabria, 1990.

     
L'ASPETTO FONO - MORFO - SINTATTICO E LESSICALE DELLA LINGUA DI 'NU SONNU STRANU - Luigi Massara

Questa indagine - non facile come ogni altra di tal genere - è stata condotta in generale dopo la composizione di 'Nu sonnu stranu, ed è stata concepita con l'intento di venire incontro a quanti intendano affrontare ed approfondire lo studio del dialetto.

 
     
  GALANTUOMINI PRETI E CONTADINI NELLA RIVOLUZIONE - IL RISORGIMENTO IN CALABRIA - Antonio De Leo

La Calabria nella storia del Risorgimento italiano e per la sua particolare posizione geografica, testa di ponte tra le provice continentali e quelle insulari del regno delle Due Sicilie, e per la complessità dei suoi problemi sociali ed economici, ha svolto una funzione d rilievo. Non mancano autorevoli ed importanti contributi a quegli avvenimenti; tuttavia sino ad oggi mancava uno studio d'insieme, per cui la ricerca di Antonio De Leo è un tentativo, attraverso l'analisi delle diverse figure sociali protagoniste di quelle vicende, di dare espressione organica e complessiva alla posizione della regione nella storia risorgimentale, fornendo uno strumento agile ed accessibile a vasti strati di lettori.

Antonio De Leo, nato a S. Procopio (RC) nel 1945, è professore di lettere italiane e storia negli istituti di istruzione secondaria di 2° grado.

Ha pubblicato: Brigantaggio o lotte contadine; La Camorra; Briganti, sbirri, cafoni e manutengoli in Calabria; Don Liborio Romano.

     
GRECI ED ITALICI NEL MATAURO MARRO LINGUA, CULTURA E STORIA DELL'ESTREMA ITALIA - Giuseppe Beniamino Mustica

Veramente encomiabile il rinnovato interesse per la ricerca storica in atto; tanto più apprezzabile, per quanto mi riguarda, quando l'impegno scientifico è finalizzato alla riscoperta del mondo che ci ha visto nascere e maturare.

Se, poi, l'iniziativa viene assunta da un operatore scolastico, quale Giuseppe Beniamino Mustica, non v'eè dubbio che le motivazioni trovano anche la spinta nel desiderio di offrire alle giovani generazioni appunti per ulteriori approfondimenti.

Giovanni Garreffa

 
     
  I PAESEI DEL MARRO ALL'ALBA DEL MONDO MODERNO - Giuseppe Beniamino Mustica

Circa un anno è passato da quando ricevetti l'invito, dalla Biblioteca Comunale di Polistena, a scrivere qualcosa sul mio paese, sugli aspetti che ritenevo più significativi del periodo precedente il Flagello del 1783.

... Cronache e fatti dei paesi del Marro tra il Sei e il Settecento.

     
LOCRI EPIZEFIRI dalle origini all'incursione saracena del 952 - Raffaele Speziale

Origini e vicende, costumi licenziosi e leggi severe, letteratura ed arte, paganesimo e cristianesimo in una delle città magnogreche più prestigiose offerti al lettore in una panoramica che interessa diciasette secoli di storia fino alla drammatica incursione dei saraceni di al-Hasan.

 
     
  POESIE CALABRE - Vincenzo Rovere

Con la pubblicazione di queste poesie in dialetto, Vincenzo Rovere (1804-1870) di Polistena assume una fisionomia storica e artistica precisa allineandosi con i diversi preti calabresi politicamente unitari da Vincenzo Padula ad Antonio Martino, a Luigi Monaldo (ma i cui esiti politici sono, tra loro, diversi).

... Rovere rappresenta un momento culturale di un Risorgimento calabrese al quale manca il raccordo con il popolo e con l'intera società.

Antonio Piromalli

     
RASSEGNA DI POETI, PROSATORI E ARTISTI DI TAURIANOVA - Isabella Loschiavo Prete

Ordinaria di Italiano e Storia presso l'Istituto Tecnico Commerciale di Taurianova, è collaboratrice della terza pagina della "Gazzetta del Sud", di "Calabria Letteraria", "Procellaria", "Historica" e "Corriere di Reggio".

Ha pubblicato alcuni pezzi su "Il progresso italo-americano - Due Mondi" stampato a Brooklyn, come Tiberio Condello per il quale ha ricevuto il Premio Kiwanis a Reggio Calabria (14 giugno 1981).

In diversi concorsi letterari ha vinto medaglie e coppe (San Nicola Arcella) per la narrativa; Premio Umbria Assisi per la poesia. Una sua lirica, Altruismo, dedicata agli handicappati, è stata inserita in un'Antologia (Editore Ursini, Catanzaro) di prossima pubblicazione.

Il 9 dicembre 1981 le è stata conferita la medaglia d'oro "Umbria d'oro" per i premi letterari ricevuti.